La Puglia racconta: intervista all’illustratrice Monica Saladino

Le interviste nel Formicaio agli illustratori de La Puglia racconta restano ancora in terra siciliana, sempre a Palermo e questo mese in compagnia di Monica Saladino, illustratrice per l’infanzia e docente di Disegno e storia dell’arte.

Monica incarna la figura dell’artista che amo di più: è pervasa dalla passione, da quella voglia di fare e da quella scintilla che contagia chi ha la fortuna di starle attorno. Lo si percepisce dall’entusiasmo delle sue parole e soprattutto nella vitalità delle sue opere. Mi ha letteralmente conquistata appena ho letto della sua tesi di laurea: ha cucito a mano la storia di Pinocchio e i bambini, ancora oggi, in quella storia ci camminano a piedi scalzi. La sua arte è in costante ricerca, è un’arte che si può toccare e che si presta a letture multisensoriali. Monica, fiera e orgogliosa della sua terra, crede nella bellezza della lettura e dei libri, nell’importanza del saper comunicare e condividere le esperienze, crede nell’importanza del fare.

foto profilo

 

Benvenuta nel Formicaio Monica! Dopo la chiacchierata con Mariella Cusumano, restiamo in terra siciliana, sempre a Palermo, e anche a te chiedo com’è nata la connessione con gli illustratori de La Puglia racconta e cosa ti ha spinta a far parte di un collettivo di artisti?

Ciao Francesca, grazie per l’accoglienza nel tuo blog!  Ho conosciuto l’associazione La Puglia racconta tra testo e immagine, attraverso i social network.
E’ scattata subito curiosità nei confronti dei ragazzi del collettivo, così attivi e appassionati di libri e illustrazioni, da decidere di contattare Daniela Giarratana per raccontarci un po’ e per scoprire poi di condividere la stessa passione e la medesima voglia di “fare”.
La Puglia e la Sicilia sono legate così, da un filo invisibile che le tiene insieme per raccontare la meraviglia tra testo e immagine.

2

La tua formazione di artista e docente è ruotata sempre attorno al mondo dell’arte: hai sempre saputo di voler far questo nella vita?

Ho sempre saputo di volere fare questo nella vita? SI!
E’ il si più deciso e desiderato che abbia mai pronunciato. Il si, mai tradito.
Nonostante le difficoltà, la mia è stata una scelta seguita con determinazione e sacrificio che ha precluso strade più semplici e già tracciate, a favore di quell’ insaziabile fame di arte che non mi ha mai fatto smettere di disegnare e sperimentare. Così ho assecondato questo bisogno, orientando la mia formazione nell’ area artistica. Terminato il percorso accademico, ho iniziato a maturare l’idea di dedicarmi all’insegnamento. Oggi insegno Disegno e Storia dell’Arte nella scuola secondaria di II° grado e mi occupo della mia ricerca personale ed artistica dedicandomi, con amore ed entusiasmo, all’illustrazione per l’infanzia.

Illustri e plasmi quell’età lontana ed incantata che è l’infanzia. Come e quando hai deciso di dedicare e prestare la tua arte a questo meraviglioso e sfaccettato universo?

Ho compreso di volere fare l’illustratrice di libri per bambini in Accademia, quando al termine dei 4 anni accademici, ho iniziato a cucire la mia tesi di laurea: Tocco-Pinocchio. Uno striscione tessile di 12 m, cucito a mano, in cui ho illustrato i personaggi della celebre storia. Un libro tattile a cui sono molto affezionata e che ancora oggi, dopo tanti anni e numerosi rammendi, i bambini amano e mi chiedono di srotolare, per potere entrare nella storia a piedi scalzi e leggere attraverso tutti i sensi, ecco, è stato questo che mi ha fatto comprendere meglio ciò di cui avrei voluto occuparmi, così è stato.

3

Monica illustratrice e Monica insegnante si incontrano o restano ben distinte?

Due facce di una stessa medaglia direi, ma ahimè, il tempo gioca a mio svantaggio. Al Liceo Scientifico, sono solo 2 le ore settimanali di Disegno e Storia dell’ Arte, veramente troppo poche. Così cerco sempre di ottimizzare e organizzare, quando posso, un’unità didattica dedicata all’albo illustrato, attività molto utile anche per l’inclusione. La proposta viene sempre accolta con grande entusiasmo dai ragazzi, che spesso, si trovano a sfogliare un libro illustrato per la prima volta. Meglio tardi che mai, del resto, i libri per bambini non esistono… consigliati da 0 a 100 anni.

6

La tua arte si avvale dell’utilizzo di svariati materiali e le tue illustrazioni a tecnica mista sono opere da osservare e toccare. Raccontaci in che modo prende vita una tua opera.

Ho prestato sempre molta attenzione all’utilizzo della materia pittorica, alle sue contaminazioni e alla possibilità di lettura multisensoriale che ne deriva. La mia ricerca, non può prescindere dalla materia, utilizzo materiali accattivanti che si fondono per essere toccati. Così nascono gli arazzi illustrati, composizioni tessili, giocose e coinvolgenti di 4/ 5 m in cui l’insieme è tutto, regolato dall’armonia dei colori. Le illustrazioni a tecnica mista, invece, nascono sempre da un attenta lettura del testo,  l’individuazione degli elementi chiave e la realizzazione dei soggetti, attraverso lo studio, a matita, della figura umana. Successivamente, inserisco il soggetto, nell’ ambientazione di riferimento, attraverso l’ utilizzo dei colori acrilici e la tecnica del collage (carta, cartoncini, tessuti, passamanerie) fondendo spazio/oggetto. Certe volte, una tavola prende vita dalla casualità, dalla forma di un pezzo di carta strappata o di uno scampolo di stoffa che mi suggerisce qualcosa.

1

Sei un’insegnante, pubblichi con diverse case editrici e conduci laboratori di arte e narrazione. A mio parere, nell’epoca in cui viviamo, diventa fondamentale vivere e condividere spazi come le biblioteche e le librerie. Come vivi questo tuo ruolo? qual è il riscontro che ricevi?

I libri per bambini possono essere fruiti anche attraverso l’attività laboratoriale, la lettura animata, la musica … sono valori aggiunti. Iniziando a lavorare, occupandomi di attività laboratoriali per bambini, ho compreso l’ importanza del “fare” partendo da un testo, ho imparato che l’esperienza vissuta attraverso le attività laboratoriali, è di fondamentale importanza per la crescita personale, relazionale e creativa di ciascuno. Scuole, biblioteche, librerie, sono dunque gli spazi eletti per questo percorso di crescita, ambienti di apprendimento in cui, attraverso i libri, possiamo vivere esperienze uniche e straordinarie. Conduco i miei laboratori con grande passione, preparando di volta in volta materiali e tecniche di fruizione sempre diversi e accattivanti, per divertire divertendomi.

Chi o cosa è la tua più grande fonte di ispirazione?

Non credo nell’ ispirazione come il momento  “alto” della creazione. Credo nella costanza, nell’ esercizio del disegno, nel bisogno di sedermi al mio tavolo da disegno ogni giorno da 45 anni. Siamo bombardati da immagini che inconsapevolmente si trasformano in segni che ritrovo sul foglio come un déjà vu. Disegno ciò che vedo, ciò che amo, un ricordo, un’ emozione, il vento, un profumo. Come un fotografo distratto ricerco nella mia testa scatti sfocati, cercando di dargli una forma.

7

Consigliaci un albo o un libro da tenere assolutamente sul comodino.

Un comodino non basta. Mi chiedi di sceglierne uno e sono in difficoltà, perché ognuno, per un motivo diverso, bisogna assolutamente averlo a casa, a portata di mano: Piccolo blu e piccolo giallo; Pezzettino; I cinque malfatti; L’ ora vuota; Il campanellino d’ argento; Di che colore è il vento; Tre in tutto.
Mi fermo, ma potrei continuare a lungo.

Com’è essere artisti nella tua terra? Hai mai pensato di vivere e lavorare altrove?

MAI! Anche nello sconforto estremo, non ho mai preso in considerazione l’ idea di lasciare Palermo. Terrona nell’ animo sono.

5

Domanda di rito finale: progetti in corso e desideri futuri?

Progetti e desideri non mancano mai, sono il motore per alzarsi la mattina. Alcuni progetti desiderati, sono in via di pubblicazione, ma non posso dire di più, intanto io … continuo a disegnare.

10

Ed ecco l’omaggio di Monica al Formicaio, c’è un bimbo, c’è un arcobaleno e lì, piccina sul dito, c’è proprio una formichina. La amo!

Illustrazione per La dote della formica

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...