Cose belle · Letture · Storie

Cose belle a Febbraio! 

Questo febbraio è letteralmente volato e la primavera ha iniziato a fare capolino nelle ultime settimane (nonostante puntualmente, per qualche legge malefica, nel week end si scatena il miglior repertorio di cielo grigio, vento e pioggia). L’inizio del mese ci ha visti protagonisti di un simpatico lazzaretto formato family, dove ad avere la peggio è stata la sottoscritta. L’anello iniziale è stato ovviamente il nido: raffreddore micidiale accompagnato dalla sua legittima tosse per Formichina, tempestivo e solidale contagio al papo e alla mamma! Semplice! Solo che per me il raffreddore si è trasformato in una gradevole e tremenda sinusite che mi ha reso una larva con la testa pronta ad esplodere. A parte questa partenza sprint, ci sono state tante piccole (e preziose) cose belle che è sempre un piacere condividere con il mio stuolo di fedeli lettori!!! Ho rivisto una mia cara e adorata amica che ora vive in quel di Londra, ho dato il mio benvenuto al mondo al piccolo e dolce Antonio, ho provato nuove ricette, siamo andati al cinema con Formichina, abbiamo improvvisato una festicciola di carnevale e improvvisato una cena orientale che si è trasformata in una comica con una mia personale rivisitazione del tanto amato sushi. (Non esistono testimonianze fotografiche, per mia fortuna.) Vi lascio con un allegro pot- pourri del mese!


CARNEVALE. Lo scorso anno Formichina aveva poco più di un anno e ricordo le sue urla di protesta quando tentai di infilarle il cappuccio da farfalla che completava il suo travestimento. La portammo ad una sfilata in paese e lei tra musica, coriandoli e maschere riuscì ad addormentarsi. Quest’anno,per svariati motivi, non siamo riusciti a portarla ad una sfilata e allora colta da un lampo di follia ho deciso di improvvisare una mini festicciola nel soggiorno di casa. Le mie amiche mamme fino all’ultimo secondo, con occhi smarriti, mi hanno chiesto se ero proprio sicura di dare il via all’apertura dei sacchi di coriandoli. Ho dato il via e, nonostante il soggiorno di casa si sia trasformato in una succursale di Viareggio, non mi sono affatto pentita. I bimbi si sono divertiti un mondo, i loro papà di più. Nella foto: vestito ufficiale di Trilly, utilizzato (e scelto) da Formichina come vestito della principessa Fiona. ( è in fissa con Shrek e quasi ogni sera ci costringe a mettere in scena spezzoni del film. La sua battuta preferita è quella di Ciuchino: “hai l’alito che puuuuzza!”).

Piccolo esempio dello stato in cui versava il mio soggiorno a metà festa.

VITA CULTURALE CON NANA AL SEGUITO: FILM “BALLERINA” 

HO00004097

Voto: 5

La mamma che scrive recensioni spietate su i film animati è davvero troppo, no. Ma questo passa il convento e noi siamo comunque contenti di portare Formix al cinema. Questo è il terzo cartone che vede e devo dire che questa volta è stata davvero bravissima! È rimasta attenta e curiosa per tutta la durata del film e i pop corn sono stati un optional. A lei il film è piaciuto tantissimo e ancora adesso, a distanza di settimane, crede di essere Félicie e svolazza per tutta la casa tuonando “Grand jeté!!!”

A me invece non è piaciuto granchè. Ma, attenzione, c’è un motivo. Dovete sapere che in giovinezza ho studiato danza classica per ben 13 anni. Nonostante il mio grande amore per questa meravigliosa disciplina non ho mai nutrito ambizioni (anche perché le mie tette non andavano affatto d’accordo con i tutù). Per me la danza è stata innanzitutto una passione, un rifugio, una seconda famiglia. È stata anche sacrificio, dedizione, disciplina e la più bella forma di libertà di espressione delle mie emozioni. Ecco, io se ascolto Ciajkovskij  mi viene la pelle d’oca e l’odore misto di scarpette e pece riesco ancora a sentirlo se chiudo gli occhi. Come potete immaginare, la mamma ex ballerina qui presente aveva riposto grandi aspettative in questo film d’animazione. Invece:potevano impegnarsi molto di più sulla trama e sull’intreccio, la colonna sonora è completamente fuori luogo (ed epoca) e il doppiaggio pessimo e monocorde della Abbagnato (perché non limitarsi ai tutù e alle scarpette?) rovina un bel personaggio . A Formix è piaciuto e questo è ciò che conta.

IDEE PER LA MERENDA

17195218_10210668806690619_960739305_o

Tortine allo yogurt (ricetta Bimby) 

100g di burro morbido a pezzi                                      150g di zucchero                                                                3 uova                                                                                  1 vasetto (125g) di yogurt bianco*                              150g di farina                                                                    50g di fecola di patate                                                    1 bustina di lievito vanigliato

*io ho usato lo yogurt alla banana

 

Preparazione: Mettere nel boccale il burro, lo zucchero, le uova, lo yogurt, la farina, la fecola e il lievito. 30 sec./vel.5                                                                                                                       Trasferire il composto in stampini di carta per mini torte e riempirli per circa 2/3. Cuocere in forno caldo per 25 minuti a 180°

Una ricetta super veloce e semplicissima, delle tortine morbide e leggere e una buona merenda assicurata! Con queste dosi ho ricavato 12 tortine.

17198054_10210668810250708_303985224_n                                                                                                 Ciambelline alla ricotta

1 limone (la scorza)                                                          160g di zucchero                                                              2 uova                                                                                  180g di ricotta                                                                   200g di farina                                                                    1/2 bustina di lievito vanigliato                                 crema gianduia, come da ricetta base*

*io ho utilizzato la nocciolata Rigoni.

 

Preparazione: Mettere nel boccale la scorza di limone e lo zucchero, polverizzare a 10 sec/vel.10. Riunire sul fondo con la spatola. Aggiungere le uova, la ricotta e la farina, 30 sec/vel.5. Unire il lievito, 10 sec/vel.4. Trasferire il composto in mini stampini a forma di ciambellina o in una teglia per ciambelline (imburrata e infarinata). Cuocere in forno caldo per 15/20 min a 180°. Sfornare e far raffreddare e versare un cucchiaino di crema gianduia al centro della ciambellina.

Un’altra ricetta semplice e buonissima! la crema gianduia può essere sostituita con della crema pasticcera o della confettura. Sono super golose!

Lettura in corso: II VOLUME DELLA SAGA “CAZALET” di Elizabeth Jane Howard

17200276_10210668809930700_805677448_o
Raro momento pomeridiano di relax con libro, tiepidi raggi di sole e ciambellina (vedi ricetta sopra)

Devo ammettere che ho acquistato il primo volume “Gli anni della leggerezza” (in ebook) solo perché era in super offerta e anche perché avevo letto un po’ ovunque parlare bene di questa saga. Nonostante la mole del libro e una duenne che va a letto tardi e mi fa passare la voglia di leggere, ho divorato il primo volume e così a Natale mi son fatta regalare il secondo “Il tempo dell’attesa” da mia mamma, in cartaceo. Questa volta la lettura va a rilento e non so se dipende dalla mia stanchezza o dal fatto che le prime duecento pagine non mi hanno entusiasmata troppo. Certo è che se vado di questo passo finirò la saga (composta in tutto da 5 volumi) quando sarò decrepita. A mia discolpa posso dire che, in realtà, sto leggendo in contemporanea un altro libro. Vi aggiornerò!

ULTIMA PASSIONE DI FORMIX (e non solo): I PLAYMOBIL 

 

Ebbene si, siamo caduti nel tunnel del collezionismo. Per il momento la collezione è limitata a pochi esemplari: la dog sitter, il pirata e l’ammiraglio, la vasca dei pinguini con guardiano al seguito, e due giovani campagnoli in carretto con chitarra e cestino da pic nic. A dare vita a questo tunnel senza via d’uscita è stato mio marito: i play mobil sono una tradizione di famiglia, o meglio, della sua infanzia, ne riceveva uno al mese ed era felice come una Pasqua. A Formix piacciono tantissimo e, nonostante sia ancora piccina, si diverte ad inventare storie e a farli parlare tra loro! In questo periodo rappresentano il suo gioco preferito e ci gioca anche per parecchio tempo (Alt! “parecchio” equivale ad un tempo che va dai venti minuti a max mezzora ed una mamma può confermarmi che quindi è parecchio). Il problema è che questi adorabili omini hanno conquistato anche me (li conoscevo ma non ne ho mai posseduto uno) e se entro nel sito o sfoglio un catalogo sono sicura che potrei impazzire.

A presto!!!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...