Cose belle · Letture · Storie

Montessori: La vita pratica (parte 2)

In questa seconda parte del post dedicato alla “vita pratica” mi soffermerò sull’ambiente cucina e su semplici giochi di concentrazione e precisione che (quasi) sempre, riescono a catturare l’attenzione dei bimbi.

Per tutti coloro che hanno perso la lettura della prima parte del post, (con preziosissime premesse!), ecco qui il link diretto: Montessori: la vita pratica (parte 1)

AMBIENTE CUCINA – Che vita pratica sarebbe senza poter “vivere” la cucina? Come afferma l’autrice del manuale, “per il bambino la cucina è un paradiso sensoriale” e lo so che adesso state annuendo e sorridendo (lo spero!). Nella nostra famiglia e nella nostra vita quotidiana la cucina e il cucinare sono un aspetto importante. La cucina era il regno indiscusso della mia amata nonna materna, lo è della mia cara mamma e ora anche un po’ il mio (ai loro livelli non ci sono arrivata, perché io, in fondo, un po’ pigra lo sono). Mio marito ama cucinare e anche grazie a lui ho imparato molte cose ai fornelli. A noi piace cucinare insieme nelle giornate più calme, cucinare per gli amici e per chi amiamo, sperimentare nuove ricette, andare insieme dal fruttivendolo o in pescheria, al mercato o al supermercato. Naturalmente, se non si fosse intuito, siamo anche delle buone ed allegre forchette. Tutto questo discorso per farvi capire che dal momento in cui Formichina ha espresso curiosità verso ciò che succedeva in cucina noi siamo stati ben propensi a “sfamare” questo suo interesse.

“Cucinare con il bambino è un piacevole momento di condivisione e di trasmissione. Il piccolo partecipa alla vita familiare e impara a usare un certo numero d’utensili. Esercita la motricità, scopre consistenze e odori e impara una terminologia precisa. Acquisisce anche il senso della successione: un certo ingrediente va messo prima di un altro.”

                                                                Da “100 attività Montessori”di Ève Herrmann

Formichina non fa parte della categoria “tritotutto qualsiasi cosa ci sia nel piatto”. Non è mai stata una bambina “mangiona” ma, e questo mi piace molto, ha dei suoi gusti ben precisi ( e anche forti!) e quando mangia lo fa con gusto e piacere. A lei piace fare la spesa e gironzolare tra le bancarelle delle verdure e della frutta (vorrei rassicurare tutti che anche noi la rincorriamo, anche noi sudiamo e imprechiamo mentre la rincorriamo, anche Formichina non ascolta, corre e tocca). Io le ho fatto sempre assaggiare tutto e l’ho lasciata sempre libera di toccare, annusare e chiaramente sporcare! (santa pazienza, si!).In cucina le faccio svolgere semplici azioni che la rendono fiera e soddisfatta: lavare l’insalata o i pomodori (1 su 2 finisce in bocca), disporre le verdure nelle ciotole, scegliere il formato di pasta, mescolare col cucchiaio di legno (sul manuale ci sono anche le indicazioni per insegnare ai bambini a tagliare).

img-20170217-wa0006
La sacrosanta scelta dei suoi amati broccoli

Quando c’è più tempo ci piace preparare il pane, le torte o i biscotti e, in questo caso, è importante leggere a voce alta e spiegare tutto il procedimento della ricetta passo dopo passo e indicare gli ingredienti. Ai bambini piace, ovviamente, pasticciare con le mani, rompere le uova (Formichina impazzisce), fare le formine, stendere l’impasto e osservare la cottura nel forno. Sarà un momento di allegria garantito! ( e si, poi tocca pulire la cucina).  Una torta semplice da realizzare senza sporcare il mondo è la torta allo yogurt 7 vasetti del sito di “Chiara passion”; noi la facciamo spesso e i bimbi possono contribuire svuotando nella planetaria il vasetto con i sette ingredienti.

DSCF7051.JPG
Intenta ad impastare il pane

Un accessorio fondamentale da tenere in cucina è la “Learning Tower” montessoriana. Sul web potete cercare informazioni utili anche per costruirla senza doverla acquistare, risparmiando parecchio! È un accessorio che agevola e rende tutte queste attività più sicure da svolgere. E qui, dato che noi siamo pigri e non l’abbiamo ancora costruita pur avendo acquistato da tempo immemore il famoso sgabello ikea, interviene come guest star Valentina, una mia compagna di liceo, mamma di Matilde (15 mesi):

“Ho chiesto la learning tower come regalo del primo compleanno di Matilde a mio padre. Gli ho dato le indicazioni prese dal web (l’ha fatta usando come base il noto sgabello Ikea). È stato ovviamente ben felice e ha impiegato poco tempo per realizzarla. Abbiamo cominciato ad usarla da un po’, ora che lei ha 15 mesi ed è cresciuta un sacco anche la sua curiosità. Quando io preparo, lei è alla mia altezza: guarda,osserva, tocca…conosce! Io sono agevolata perché non devo tenerla in braccio e faccio liberamente quello che devo, lei si sente partecipe (lo è di fatto!) e non si “ribella”!

16923615_10210549273102354_1636849759_n

COMPORRE UN MAZZOLINO DI FIORI – Educare alla bellezza e alla creatività sin da piccini è importante e una attività da fare insieme può essere quella di comporre dei mazzolini di fiori (se invece siete dei pollici verdi potete direttamente passare al livello pro: “prendersi cura di una pianta”. Io a malapena faccio sopravvivere le piante grasse). Andate insieme dal fioraio e scegliete dei fiorellini colorati. A casa, su di un tavolino, disponete i fiori e le brocche con l’acqua. Descrivete i fiori e fateli accarezzare e annusare; iniziate a disporre i fiori nella brocca e chiedete al vostro bimbo di ripetere l’operazione. Sarà per lui/lei un momento per mettere in atto la creatività, l’osservazione e la precisione. E sarà fierissimo/a del risultato ottenuto!

PICCOLI VASSOI D’ATTIVITÀ

“I bambini amano per loro natura realizzare attività complete, anche senza bisogno di produrre qualcosa. Un’attività con un inizio e una fine li aiuta a concentrarsi e a sviluppare pazienza e costanza.”

Chi non conosce i famosi travasi? Questa attività ipnotizzerà i pargoli dai 15 mesi circa in poi. I travasi, in base all’età del bambino, possono variare utilizzando ciotole e vasetti di svariate dimensioni,usando direttamente le manine, cucchiai o cucchiaini. Col tempo il bambino affinerà la concentrazione e la precisione e potrete fargli usare vasetti più stretti e addirittura le pinze. Solitamente sono attività che affascinano e tengono impegnati i bambini.

TRAVASI CON I LEGUMI

TRAVASI CON LA SPUGNA: Ogni mamma conosce l’amore folle dei bambini per l’acqua. Con questa attività imparano ad usare la spugna, a strizzare e ad assorbire l’acqua. Saranno concentrati (si spera!) e vedrete che riusciranno a non inondare la stanza. Servono semplicemente due ciotole e una spugnetta. Riempite solo una ciotola e mostrate con molta calma l’intera attività. Immergete la spugna nella prima ciotola e strizzatela in quella vuota, ripetete il gesto finché la prima ciotola sarà vuota. E ricominciate nel senso inverso.

PESCARE PICCOLI OGGETTI – Questo gioco ha appassionato molto Formichina sin dal primo momento! Consiste nel “pescare” degli oggetti galleggianti. Dunque vi occorre: una ciotola ampia riempita d’acqua, dei piccoli oggetti galleggianti (noci, perle, palline di legno), un cucchiaio forato e un’altra ciotola più piccola dove riporre gli oggetti pescati. Attraverso questa attività il bambino esercita il coordinamento occhio-mano, la precisione, la pazienza e la capacità di concentrarsi.

Queste sono solo alcune attività montessoriane che si possono svolgere a casa utilizzando semplici oggetti. Spero vi sia stato utile questo lungo post sulla Vita pratica. Il prossimo post sarà dedicato alla vita sensoriale! Aspetto come sempre vostre riflessioni, suggerimenti e condivisioni!

A prestissimo!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...