Cose belle · Di lana e uncinetti · Posti belli

Cose belle ad Aprile!

Aprile è un mese del cuore. Nel mese di aprile ci siamo sposati e quest’anno abbiamo festeggiato il nostro terzo anniversario. Approfittando della data strategica (ci siamo sposati il 25!) abbiamo deciso, in realtà è stata tutta un’idea (da me graditissima) di mio marito, di farci una gitarella di appena 800 km e di andare in Emilia dai miei. Il giorno del nostro anniversario siamo stati in quel di Monza e per festeggiare degnamente il nostro amore ci siamo fiondati all’Arengario dove è allestita la mostra fotografica “Le merveilleux quotidian” di Robert Doisneau (approfondimento sotto). Dopo una passeggiata per Monza, abbiamo pranzato in un bel posticino che vi segnalo, si chiama SPALTO 10. Rientrati da Monza, abbiamo deciso di concederci una serata da fidanzatini e siamo andati (dopo 18 mesi) al cinema a vedere il tanto osannato “Lo chiamavano Jeeg Robot”. (Chi ha iniziato a seguirmi avrà letto che l’ultima cosa che ho fatto col pancione è stata andare al cinema, poche ore dopo sono entrata in travaglio).La permanenza in Emilia si è protratta solo per me e formichina, mentre il papo è rientrato a casa, ovviamente per motivi lavorativi. La settimana a livello climatico è stata abbastanza pessima, come nel resto d’Italia ( e certo, a Febbraio sembrava primavera!), però per Formichina è stato importante trascorrere del tempo con i nonni materni e con la sua zietta. In questo mese abbiamo festeggiato i suoi 18 mesi e diventa ogni giorno di più una adorabile birba! È una bimba sveglia e curiosa, attenta osservatrice, smorfiosetta e impavida come solo (straordinariamente) i bambini sanno essere. Quando il cielo ci ha concesso un po’ di sole, abbiamo fatto lunghe passeggiate per la città, giocato nel parchetto con le giostrine, siamo stati in una cooperativa sociale, Il Germoglio, con un grande vivaio, una bottega alimentare esclusivamente bio e una fattoria didattica, abbiamo gustato tigelle e salumi piacentini, giocato nel giardino dei nonni e fatto scorta di coccole e sorrisi 🙂

 

 COSE BELLE, ANZI MERAVIGLIOSE

03003464.jpg

“Spesso mi hanno posto il quesito. Spiegate quella vostra maledetta mania di fare delle fotografie che nessuno vi ha ordinato. È una domanda idiota. Non ci sono motivazioni razionali, ma ben più un bisogno irresistibile di condividere la gioia che mi è entrata dagli occhi. È un puro fatto istintivo.” 

“Condividere la gioia che mi è entrata dagli occhi”. Esatto. Un pensiero sublime che racchiude, a mio parere, il senso della fotografia. O perlomeno quel concetto di fotografia che amo di più. È stata una gioia anche per noi poter osservare le fotografie di uno dei più grandi fotografi del Novecento. Un innamoramento ad ogni scatto.

All’Arengario di Monza, fino al 3 luglio, trovate 80 scatti originali (50 di essi stampati direttamente dall’autore)  di pura magia affissa ai muri. Doisneau è uno dei miei fotografi del cuore, perchè è al cuore che le sue opere mirano. Un osservatore e un narratore straordinario e instancabile, di volti, sorrisi, capriole, sguardi; di una Parigi in  fermento, di una Parigi fatta di bambini, di donne bellissime, di coppie. Di quella banlieu, in perenne movimento, che catturava e immortalava per timore che svanisse. La sua prima foto la scattò ad un mucchio di pietre, perchè “troppo timido per posare lo sguardo sulle persone in carne ed ossa”, poi il suo sguardo curioso e mai quieto si posò sul cuore pulsante e quotidiano di Parigi e fu magia. Ci sono alcuni scatti di una bellezza ineguagliabile.

In questi due suoi pensieri mi ci ritrovo e ritrovo la voglia di riprendere in mano la mia analogica e lasciar perdere il maledetto cellulare con i suoi maledetti filtri.

Mi rifiuto di mostrare il lato nero della vita, non amo la bruttezza, mi fa male fisicamente […] ma la piccola malinconia, la commozione sono valori minori che però mi toccano più di ogni altra cosa.

Il mondo che cercavo di far vedere era un mondo dove stavo bene, dove la gente era gentile e dove trovavo la tenerezza di cui avevo bisogno. Le mie fotografie potevano dimostrare che un mondo del genere poteva esistere.

PASSIONI 

Non mi era mai capitato di acquistare gomitoli on line, ma da diverso tempo curiosavo nella pagina di Ophelia Filati e mi è sempre piaciuto…tutto! E quindi ordine fatto e prontamente consegnato. Ophelia è un’azienda toscana ed è a Prato che vengono interamente lavorati tutti i filati, dunque un marchio interamente made in Italy. C’è una buona scelta di filati e di colori e anche una sezione per accessori (ho acquistato anche degli uncinetti Clover) e una per tutorial. Io ho scelto i gomitoli di cotone Gemma e Stella, in tonalità davvero bellissime! Sono cotoni che si adattano perfettamente alla realizzazione degli amigurumi che io confeziono e difatti ho iniziato e ho quasi ultimato un nuovo amigurumi che sarà consegnato ad una persona speciale. Presto ve lo mostrerò in un post!

È un sito che consiglio con piacere a tutte le mie colleghe uncinettare! 🙂

BEAUTY

03003583

Non posso più fare a meno di questo piccolo “ovo” come lo chiama Formichina. Mi rendo conto di non fare nessuna scoperta del secolo, ma se qualcuna di voi ancora non conosce questo delizioso ovo, beh, ve lo straconsiglio.

Chiamasi beauty blender e questa in foto è della Puro bio cosmetics. Io che non ho mai avuto doti di makeup artist, posso affermare che utilizzando questa magica spugnetta riesco a stendere e uniformare in maniera soddisfacente i prodotti, senza avere nessun orrido effetto maschera. La inumidisco e via, stendo il fondotinta e tampono la cipria, grazie alla sua piccola punta riesco a stendere bene il benedetto correttore (occhiaie, compagne di vita), se col pennello ho sgarrato tra terra o blush, grazie alla beauty blender riesco a sfumarli per bene. Chiaramente per la matita e il mascara dovete vedervela voi! Importante: pulirla dopo ogni uso. Acqua tiepida, una goccia di sapone neutro e poi farla asciugare senza chiuderla in cassetti o borselli. Io, come vedete, la poggio su un portauovo (By Tiger).

 TRE POSTI BELLI 

  1. Book bank libri d’altri tempi. In una viuzza del centro storico di Piacenza, uno di quei posticini che mi fanno sussultare il cuore. Trattasi di una libreria di libri usati, fuori catalogo, rari e antichi. Insomma, un angolo di paradiso per i miei occhi. Si sviluppa su tre livelli collegati da una scala a chiocciola ed è piena di libri di ogni genere! Al piano inferiore c’è anche la possibilità di sedersi e bere un caffè. Ci vivrei in un posto simile, purtroppo la mia visita è stata fugace ma mi sono ripromessa di tornarci e di godermi in assoluta pace ogni angolino. Ho scambiato due chiacchiere con Sara, la proprietaria, e mi è rimasto il sorriso stampato in faccia per l’intero giorno, perchè in quei pochi minuti è riuscita a trasmettermi l’amore e il coraggio per quello che fa e per quello in cui crede.  (Non so se si è capito, ma avere un posticino simile è il mio sogno). Cercate la Book bank su Facebook o sul sito: Book bank.

2. LO FAI HANDMADE BAR. Un altro bel posticino, nel centro storico piacentino. Cucina vegana, prodotti a Km 0, bella luce e arredo spartano, ma soprattutto spazio culturale. E per cultura quindi s’intende la buona cucina, l’arte e le idee. Idee tutte handmade. Cosa c’è di meglio? Al piano superiore infatti si può visitare lo shop sempre in continuo fermento con creazioni artigianali una più bella dell’altra. Non mi dilungo, poichè ci scriverò presto un post interamente dedicato a questo posto. 🙂

3. LA PILUCCHERIA. La mia permanenza in Emilia si è conclusa degnamente. Siamo stati a cena da “La Piluccheria” ( località La Verza, Piacenza) ed è stato subito amore, tant’è che queste sono le uniche foto che ho scattato, poichè ero impegnata a sbavare e il cell è volato in borsa. Tigelle come se piovesse, salumi piacentini superlativi e tantissime gustosissime salsine. Il menu offre oltre a taglieri di salumi e formaggi, anche primi piatti e sfiziosità salate e dolci. Una pacchia per i buongustai come me! Chiaramente, sarà tappa fissa ogni volta che andremo a trovare i miei! 😀 Ecco qui il sito La Piluccheria.

Gentile lettore, perdonami se questo post ti è sembrato infinito, spero che la lettura sia stata, però, piacevole e scorrevole! a presto!

Annunci

One thought on “Cose belle ad Aprile!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...