Storie

La mimosa è una casualità

Avvertenza: Lungi da me il pensiero di poter scrivere un post ruffiano. Ruffiana non lo sono mai stata in vita mia e, pur volendo, ci riuscirei con risultati penosi.

0749bf32991dedfda9c41720d0170012
photo by Pinterest

Da dove incomincio? Da Instagram, si. Lo adoro, non solo perchè si comunica attraverso le immagini ma anche perchè col tempo sto imparando a conoscere le sue infinite potenzialità. Apri IG e ti ritrovi a cena da svariate foodblogger ma non solo, pregustando piatti gustosi e sfiziosi e ammirando tavole splendidamente addobbate, apri IG e ti ritrovi tra i vicoli di paesini sperduti o tra le vie enormi e caotiche delle metropoli, in case che sembrano uscite da riviste di arredamento (per lo più ikea o maisons du monde), riflessa negli specchi di quelle che hanno mille prodotti di bellezza al giorno da provare, ad intenerirti ed emozionarti per i sorrisi e le monellerie dei bimbi, a coccolare cani e gatti. Insomma, su ig hai la possibilità, scorrendo lo schermo con un dito, di essere in pochi minuti, in un armadio, sul letto, in un ristorante, in un parco, in negozi fighissimi, a teatro, su una passerella. Ma Ig non è solo sfrenato e illimitato voyeurismo.

Io non ho migliaia di seguaci e allo stesso tempo non seguo migliaia di profili, col tempo ho imparato a selezionare i profili da seguire, a scegliere profili con i quali per una ragione o per un’altra condivido i gusti, un’esperienza, una passione e non mi interessa condividere ogni giorno delle foto.

Tutta questo giro di parole per giungere a lei: Momokoplush. Roberta, deliziosa e simpaticissima mamma tatuata che, alcune settimane fa, ha scritto un post diretto e sincero sul mondo del blogging. Roberta l’ho scoperta proprio su Ig e la seguo sempre molto volentieri perchè è sempre piena di idee ed ispirazioni. Undici post non fanno ASSOLUTAMENTE di me una blogger, per carità, ma leggendo il suo post mi  sono ritrovata in assoluto accordo con le sue parole, perchè il suo modo di pensare, di certo, non include solo la giungla dei blog, ma la giungla quotidiana oltre gli schermi e le tastiere. Roberta parla, nel post, di come sia fondamentale fare le cose per passione e non per misero ed infimo interesse, parla di quella meravigliosa parola che è condivisione, che poi include in sè i concetti di ammirazione e supporto. E soprattutto sostiene che l’invidia va trasformata in ispirazione e conclude con una lista di donne che ha conosciuto (anche) su ig e con le quali ha ormai creato un rapporto speciale.

Sebbene ho la piena consapevolezza che, molto probabilmente, questo post sarà letto esclusivamente da marito/madre/padre/sorella/amiche ho voluto scriverlo ugualmente perchè credo che un blog o un social come IG siano anche “luoghi” dove poter intelligentemente creare scambi di opinioni, di esperienze, di idee e progetti, di dubbi e paure, spazi di condivisione di cose belle. Nel mondo del blogging sono praticamente una neonata, ma su Ig seguo donne e mamme da diverso tempo e mi piacerebbe “salutarle” nel mio piccolo spazio virtuale. È anche grazie a loro, oltre che alla mia passione per la scrittura e ovviamente ad un pizzico di vanità,  che qualche mese fa ho deciso di aprire La Dote della formica. (PS. Qui, mi sembra giusto salutare chi ha un blog e la maggior parte delle blogger che seguo sono proprio mamme come me, ma ovviamente sono tantissime altre le super donne che mi piace seguire su ig, blogger, giornaliste, crafter, studentesse, ragazze e donne appassionate). Alcune di loro seguono anche me, altre ignorano totalmente la mia presenza, anche perchè a volte sono una “seguace” silenziosa, ma sempre attenta e curiosa. 🙂

Inizio con due donne e mamme che seguo da quando avevano il pancione e io con loro, i loro bimbi sono infatti poco più grandi della mia, adoro la loro spontaneità e genuinità: la spassosissima Manuela Teaspoons e la dolcissima Sara Sara and Catherine’s Tales. Le seguo da un po’ e ammiro le loro storie di mamme e ancor prima di donne, Connie di Mammaduepuntozero e Ornella di Mamma matta ; Mi fa letteralmente ammazzare di risate la visione umoristica e spietata di Silvia di Insolitamente mamma;  Ha una bimba adorabile e pazzerella, Eleonora di Sei solo Mia (ritorni a scrivere, vero?); Ora vive a Panama, prima a Parigi, mamma di due bimbe e donna super cazzuta, lei è Anya e scrive su 50 Sfumature di mamma; Si chiamano entrambe Federica e sono due bravissime ed emozionali fotografe, la viscerale Federica di Wedophotography e la tenera Federica di Les Jardin des Photos ; Adoro tutto ciò che crea e la sua fantasia, mamma di due splendidi bimbi dagli occhi cielo, proprio come la mia formichina, lei è Giulia, graphic designer di Le petit rabbit . Infine, una funky mamma che non ha bisogno di presentazioni e che ammiro nel suo credo del “buon farcela” quotidiano, se ancora non la conoscete correte subito ai ripari, lei è Justine di Le Funky mamas.

Ho scelto delle mamme perchè lo status di mamma è quello con il quale mi identifico, ma ho scelto mamme forti e coraggiose, che fotografano e raccontano le loro vite di mamme vere, le loro case non sono sempre in ordine, lasciano sporcare i loro figli con del gelato, non nascondono le borse sotto agli occhi e in alcuni casi sotto le ginocchia, sanno sorridere e reinventarsi ogni giorno ed è per questo che, pur essendo per me figure “virtuali” ognuna a suo modo è fonte di ispirazione e confronto.

Giuro che, così come nell’avvertenza ho sottolineato il fatto di non voler assolutamente scrivere un post ruffiano (anche perchè le mamme qui citate non ne hanno nemmeno bisogno), allo stesso modo il fatto che proprio oggi ricorra la festa della donna è una pura casualità. (Anche se il mio post sembra più dedicato alla festa della mamma, ma va bene.) Approfitto, dunque, per un augurio generale a tutte le donne!

Annunci

2 thoughts on “La mimosa è una casualità

  1. Cara Francesca, conosci bene lo status di “mamma”, dunque non ti sorprenderai (troppo) del ritardo con cui reagisco al tuo bellissimo post…ti ringrazio di cuore per avermi reso parte del tuo mondo e di questo fantastico gruppo di mamme! Le seguo e stimo tutte! E ti ringrazio per avermi aperto una finestra sulla tua vita e sul tuo blog, che ora seguirò molto volentieri. Ho un blog anche io, ma scrivo così di rado da non potermi davvero definire blogger…se vorrai in ogni caso passare ti lascio il link: http://mumwonderland.blogspot.it/
    un abbraccio grande!
    Federica (di Le Jardin des Photos) 🙂

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...